La posizione di partenza non è contata come un Vinyasa , il corpo e la mente sta prendendo atto della posizione, quindi la gamba sinistra è distesa , il tallone sinistro è a martello idem il destro per l’attivazione di mulabanda, la schiena è dritta spalle aperte torace attivo , lo sguardo davanti a noi.

Posizione di partenza – Vinyasa in Janu Sirsasana

La posizione di partenza in Janu Sirsasana non è contata come un Vinyasa. Il corpo e la mente sta prendendo atto della posizione, quindi la gamba sinistra è distesa , il tallone sinistro è a martello idem il destro per l’attivazione di mulabanda. La schiena è dritta spalle aperte torace attivo , lo sguardo davanti a noi.

  • Primo Vinyasa inspiro e porto le braccia verso l’alto, qui sia ha un apertura delle spalle e del torace, le braccia e le mani sono attive e vogliono toccare il soffitto. Entrambi i piedi sono a martello, lo sguardo va già direzionato verso l’aggancio.
  • Secondo Vinyasa espiro e tenendo l’allungamento prendo il piede , la caviglia o quello che raggiungo, lo sguardo va al ginocchio.
  • Terzo vinyasa inspiro e tenendo l’aggancio mi apro di nuovo allungando ulteriormente la schiena, lo sguardo va al terzo occhio.
  • Quarto Vinyasa espiro e scendo nella mia posizione finale confortevole, i talloni sono sempre a martello e il quadricipite sinistro è attivo per l’allunamento posteriore della gamba, lo sguardo va al ginocchio.

Tengo il quarto vinyasa quanto sto comodo inspirando ed espirando in modo profondo

È un allungamento verso il piede non solo una chiusura rendi attivo questo consiglio – immagina di  portare la tua fontanella in avanti verso il piede. É l’addome che deve toccare la coscia, la schiena deve essere dritta in qualunque posizione io sia.

  • Quinto vinyasa inspiro e tenendo l’aggancio mi apro di nuovo allungando ulteriormente la schiena, lo sguardo va al terzo occhio.
  • Sesto Vinyasa espiro e porto le braccia verso l’alto, qui sia ha un apertura delle spalle e del torace, le braccia e le mani sono attive e vogliono toccare il soffitto. Entrambi i piedi sono a martello, lo sguardo lo porto tra le mani.

Inspiro rimango ed espirando torno nella posizione di partenza e poi posso fare una transizione e ripeto l asana dalla parte opposta.

Vinyasa in Janu Sirsasana

Massimiliano Cadenazzi

sono Jigyasa Hamsa Jacob Massimiliano Cadenazzi, insegnante yoga, kinesiologo, terapista in ayurveda, terapista in thai yoga massage, specializzato in fitoterapia e fiori di Bach, Certificato internazionale in PNL.

Lead Trainer e responsabile dei corsi di formazione per insegnanti Yoga certificato CONI CSEN

Scopri tutti i post

aggiungi il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Massimiliano Cadenazzi

sono Jigyasa Hamsa Jacob Massimiliano Cadenazzi, insegnante yoga, kinesiologo, terapista in ayurveda, terapista in thai yoga massage, specializzato in fitoterapia e fiori di Bach, Certificato internazionale in PNL.

Lead Trainer e responsabile dei corsi di formazione per insegnanti Yoga certificato CONI CSEN

Rimani sempre aggiornato

× Possiamo chattare?